Assemblea pubblica Teatro Rossi Aperto!

Dopo l’incontro con la Soprintendenza di questa mattina, invitiamo tutt* a partecipare per progettare insieme l’autorecupero materiale e la produzione di sapere di questo spazio liberato. 

Di seguito il comunicato che è stato presentato questa mattina alla Soprintendenza:

Alla cortese attenzione del Soprintendente
In questi giorni di apertura il Teatro Rossi è stato attraversato da centinaia e centinaia di persone tra studenti, lavoratori del mondo dello spettacolo, docenti universitari, ricercatori, abitanti del quartiere e artisti.

Quest’esperienza non è stata semplicemente l’apertura di uno spazio fisico, ma la creazione di una vera e propria agorà politica che si è sviluppata attraverso partecipatissime assemblee giornaliere, nelle quali è stato centrale il tema dell’autogestione collettiva e orizzontale dello spazio. Durante queste discussioni è emersa forte e chiara la volontà di rimanere dentro il Teatro Rossi, perché pensiamo che questa città non possa più fare a meno di un teatro che sia anche e soprattutto spazio pubblico.

E’ da questi presupposti che vogliamo partire per aprire una discussione serena e costruttiva sul suo futuro.

Siamo perfettamente consci che in questo contesto di dismissione dei beni culturali, in atto ormai da molti anni in Italia, i fondi scarseggiano. Proprio per questo crediamo che l’unica possibilità di rendere fruibile, ancora e per molto tempo, questo bene comune sia un progetto di autorecupero pensato dai cittadini e dalla stessa soprintendenza.
Con ciò non intendiamo un restauro completo del teatro, bensì un recupero funzionale delle parti che abbiamo utilizzato in questi giorni. Siamo convinti che la formale agibilità del piano terra si possa ottenere anche con piccoli lavori.

Crediamo che per avviare questo processo non ci sia alcun bisogno di chiudere le porte, ma che si possa anzi partire proprio dalle competenze messe a disposizione da chi ha attraversato questo teatro.

Inoltre crediamo che la gestione dei lavori debba essere oggetto di una discussione pubblica che coinvolga l’assemblea del Teatro Rossi.

Chiediamo inoltre, per un’immediata migliore fruizione dello spazio, che si provveda al completamento dell’impianto elettrico e alla ripavimentazione della platea.

Abbiamo liberato un angolo di bellezza del quale questa città non può più fare a meno. Sarebbe un clamoroso errore ridurre questa discussione a tecnicismi esasperati.
Tuttavia, siamo disposti a soffermarci su tutti i dettagli necessari, affinché questa esperienza possa continuare serenamente.
E’ un’occasione che non possiamo perdere.

L’assemblea del Teatro Rossi

, , Comunicati