Diffraction-International Music theatre project

Diffraction-International Music theatre project

residenza  27-30 giugno

Scene occupate: Pisa-Prishtina

Gabriele Marangoni Jeton Neziraj e Anna Monteverdi da agosto 2014 stanno lavorando alla realizzazione di un progetto di teatro musicale (altrimenti definito esperimento postdrammatico) dal titolo Diffraction. In paradise artists can fly. SI tratta di una produzione Italia-Kosovo che vede il coinvolgimento dell’Ambasciata italiana a Prishtina, del progetto europeo Culture for All. con il sostegno di Fondazione Toscana Spettacolo.

Il compositore e fisarmonicista Gabriele Marangoni lavora da dieci anni alle produzioni di Qendra Multimedia, associazione culturale e compagnia teatrale di Prishtina diretta dal drammaturgo politico Jeton Neziraj, una delle personalità più influenti dei Balcani e artista di primo piano del nuovo Kosovo. Neziraj dopo aver fatto residenze di scrittura presso Teatri Nazionali in Svizzera, in Francia e in Germania ha accettato di scrivere il libretto – in forma di parabola politica – per la composizione musicale di Marangoni che prevede in scena una fisarmonicista, una soprano, una violista, una percussionista e un direttore d’orchestra con funzione anche vocale e performativa.

Diffraction è una pièce multimediale suddivisa in 5 quadri composti da una sovrapposizione di livelli espressivi: suono, testo, rumore, gesto ed azioni. Un esperimento multi layer che si snoda su una partitura musicale non convenzionale, che nasce insieme al testo drammaturgico creato appositamente dal drammaturgo kosovaro Jeton Neziraj, ricca d’indicazioni gestuali, sonore, simboli e spunti per l’ interpretazione da parte dei musicisti e dei performer.

In vista della presentazione del primo luglio al festival Inequilibrio di Castiglioncello il gruppo sarà in residenza dal 27 al 30 giugno al Teatro Rossi Aperto per verificare lo status del progetto ed elaborare modifiche nel confronto diretto col pubblico, in una prova aperta lunedi 29 giugno ore 21 al TRA.

Il progetto, nato come performance sonora contemporanea, si ispira alle dissonanze/diffrazioni presenti nella capitale del Kosovo, neo nato Stato europeo pieno di contraddizioni, tra corruzione e risveglio culturale e con una indelebile memoria di guerra testimoniata oggi dalla presenza di polizia internazionale contingenti Eulex e Unmik.

Durante i giorni di residenza sarà possibile a curiosi e interessati partecipare con rispetto alle prove e incontrare il gruppo in residenza.

Diffraction. In Paradise artists can fly.
Esperimento di teatro postdrammatico di Gabriele Marangoni.
Testo di Jeton Neziraj (Prishtina). Musiche di Gabriele Marangoni.
Consulenza critica: Anna Monteverdi
Produzione Qendra multimedia Italia/Kosovo.

Direttore d’orchestra e performer: Dario Garegnani

Percussioni Komugi Matsukawa
Viola Susanna Tognella
Fisarmonica Ylenia Volpi
Soprano Federica Antonelli
Musiche di Gabriele Marangoni

, , Laboratori, Teatro