Open Stage: “Romeo & Giulietta fai da te” e “Concerto per storie e voci di Sicilia”

Dalle 21:00 – OPEN STAGE – Il palco è aperto al TRA, porta il tuo strumento, la tua lettura, la tua performance. Iscriviti su openstagetra@gmail.com

- The English Theatre Company presenta Romeo e Giulietta Fai Da Te – “Romeo, Romeo, wherefore art thou Romeo?” Adesso puoi dirlo anche tu!

Unitevi a noi per mettere in scena tutto Romeo e Giulietta in una sera! Questo workshop è sia per Attori che per non-Attori. Venite, pronti a corteggiare, amare, sposare, combattere e morire in grande stile shakespeariano.
Indossate vestiti caldi e comodi. Saremmo molto grati se voleste lasciare una donazione.
L’ETC porta in scena al TRA il lavoro sviluppato nei nostri Spazi di creazione durante due intensi periodi di prova, in dialogo con uno spazio riaperto alla città. Un laboratorio da guardare solamente oppure in cui farsi coinvolgere. Teatro Rossi Aperto e English Theatre Company aprono il sipario sul lavoro drammaturgico, e invitano tutti a calcare la scena.

- Teatro Zeta in Eleison – concerto per storie e voci di Sicilia.

Teatro Zeta presenta uno scritto di Piero Macaluso 
Con: Marzio Badalì, Sergio Monachello e Rosa Ippolito.
Eleison è uno scritto in movimenti, si compone di parole in versi liberi dove a volte la parola danza nella mente, diventa gesto, azione; a volte si fa denuncia, feroce ironia, dolce violenza della dizione, cacofonia del linguaggio.
La parola diventa viva nel fango della pronuncia, è linguaggio cifrato del cuore e della memoria, è linguaggio orale, sonoro, sfugge all’universalità piatta delle grammatiche, sfumatura impercettibile e partitura segreta di chi lo suona. Il dialetto è suono di una terra con le sue incrostazioni profonde di suoni che danzano in modo inconfondibile.
Le tre voci recitanti, L’uno, L’altro e Quello, narrano di tre modi diversi di vivere uno stesso dolore. Alla parola recitata fa da contrappunto, sovrapponendosi o affiancandosi ad essa, la parola cantata, che alleggerisce poeticamente quanto le parole scandiscono con cinismo.
Eleison diventa così luogo della mente, spazio nella coscienza dove la purezza è mito che si uccide, si sacrifica sull’altare dell’indignazione; la parola si fa carne e si offre allo sguardo ingordo nella sua crudità.
, Appuntamenti, OpenStage