Línea de Fuga

venerdì 13 ottobre – 18:00

Línea de Fuga

El círculo de Podemos en Berlín

Prima italiana del film-documentario “Línea de fuga – El círculo de Podemos en Berlín” di Michelangelo Severgnini.

a seguire discussione sul film e sul referendum catalano con:

Michelangelo Severgnini
videomaker e regista del documentario

Raquel Romero
attivista del circolo di Podemos di Berlino, partecipa
al lavoro dell’Area di emigrazione e ritorno di Podemos

La politica spagnola ed europea vista da un gruppo di attivisti anti-austerità emigrati nel cuore del sistema. Berlino come capitale europea dell’immigrazione dal Sud Europa. La loro lotta per una nuova Europa possibile. Un voto per tornare, per cambiare la Spagna dall’estero.

Venerdì 13 ottobre 2017, presso il Teatro Rossi Aperto a Pisa, verrà presentato in Italia il film-documentario “Línea de fuga – El círculo de Podemos en Berlín” del regista Michelangelo Severgnini.
Girato tra l’autunno 2015 e l’estate 2016 a Berlino, il film, presentato presso il cinema Moviemento di Berlino il 15 maggio scorso nel sesto anniversario delle mobilitazioni di Puerta del Sol a Madrid, racconta l’attività e le storie del Circolo di Podemos a Berlino, fondato nel 2014 da un gruppo di giovani spagnoli residenti nella capitale tedesca, sull’onda della crescente emigrazione spagnola seguita alla crisi economica del 2008.
Attualmente sono 2 milioni e 300 mila i cittadini spagnoli residenti all’estero. Di questi, 150 mila vivono in Germania e 8 mila solo a Berlino, perlopiù una generazione di giovani consapevoli di aver dovuto lasciare il proprio Paese per non essere riusciti a cambiarlo.
Per questo la missione del circolo di Berlino di Podemos è stata quella di mobilitare il voto degli spagnoli presenti in città in occasione della doppia tornata elettorale del dicembre 2015 e del giugno 2016.
Proprio chi ha dovuto lasciare il proprio Paese conosce i morsi della crisi ed è disposto a sostenere un cambio di sistema. Consapevole di questo, il governo spagnolo si è dotato della legge “Voto rogado” che limita l’accesso al voto dall’estero, permettendo ad un sistema di casta di perpetrarsi a danno delle giovani generazioni spagnole.
Podemos, terzo partito in Spagna, è il primo partito per voti dall’estero.

Ma la storia del Circolo di Podemos a Berlino non è solo quella di un gruppo di espatriati con la nostalgia del loro Paese. Al contrario, la loro esperienza si è affiancata ed aggiunta in questi anni alla vivacità sociale e politica berlinese, dando vita ad un’avanguardia di opposizioni alle politiche di austerità che fa sentire costantemente la sua voce nelle piazze della capitale del sistema Europa.
E’ proprio da questa dimensione internazionale che Berlino prova ad essere non solo capitale delle politiche di rigore, ma anche laboratorio internazionalista dal basso. Greci, Spagnoli, Turchi, Curdi, Polacchi, Inglesi, Siriani, Italiani, tra le più grosse comunità presenti in città, danno vita ad un’agenda politica cittadina di confronto, in grado di avviare percorsi virtuosi e inaugurare strategie comuni.

La dimensione dell’esilio poi favorisce il confronto all’interno della stessa composita comunità spagnola in una fase storica in cui le politiche centraliste di una destra nazionale corrotta e neo-franchista, ispira le istanze secessioniste di cui la Catalogna in questi giorni si sta facendo portatrice. E il confronto, partato avanti con affetto e lealtà in suolo straniero, raggiunge spesso quella franchezza sfuggita ai media.

Tutto questo il film-documentario “Línea de fuga – El círculo de Podemos en Berlín” si propone di raccontare. Un racconto corale che parla di una lotta in comune.

Venerdì 13 ottobre 2017, ore 18.00, presso il Teatro Rossi Aperto, via del Collegio Ricci 1, Pisa.

Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=5CFcm4zrvf0
Sito web: http://www.lineadefugafilm.com/en/

Regia: Michelangelo Severgnini
Produttrice esecutiva: Federica Loddo
Co-produzione: weltfilm GmbH, Kristina Konrad
Montaggio: Michelangelo Severgnini, Sergio Liguori
Musiche: Michelangelo Severgnini
Suono: Garip Özdem
Colorimetria: Cristina Infante
Con il Circolo Podemos di Berlino

Michelangelo Severgnini, 43 anni, è regista di documentari dal 2002. Ha girato documentari in Iraq, Siria, Algeria e Turchia. Si è occupato di questioni sociali ed internazionali, raccontandole attraverso le vicende e le storie di chi la Storia la attraversa da piccolo grande protagonista.
Nel 2007 con il documentario televisivo “Stato di paura” vince il premio della critica Ilaria Alpi.
Tra gli altri titoli più noti: “Isti’mariyah – controvento tra Napoli e Baghdad” (2006), “…e il Tigri placido scorre” (2004), “Il ritorno degli Aarch” (2002).
“Línea de fuga” conclude una trilogia politica che comprende: “L’uomo con il megafono” (2012), “Il ritmo di Gezi” (2014).

contatti:
Michelangelo Severgnini: miche@kapdkjumb.it

Appuntamenti, Cinema, Incontri