Domenica al TRA: Giochi e spettacoli per bambini – Film e racconto vernacolare

15.00 Con i bimbi arrivati presto per la merenda, proveremo a creare delle zucche orrende in vista del 31 ottobre prossimo.
ore 17:00 All’interno della consueta rassegna di Teatro di Figura dedicata ai più piccoli, la compagnia Habanera Teatro, ci regala uno spettacolo che attinge alla tradizione popolare mettendo in scena con pupazzi animati e burattini in gommapiuma, due tradizionali fiabe tipiche della Toscana.
ore 19.00 Daniele De Plano - regista televisivo di opere liriche e autore di documentari e cortometraggi – presenta il suo corto ‘Il regalo di Natale’, scritto nel 2002 con Mattia Betti. Il corto è stato premiato in molti festival italiani, oltre ad entrare nella cinquina dei David di Donatello e vincere il Nastro d’Argento per la produzione nel 2003. Insieme al regista interverrà Sandra Lischi, docente di video e arti elettroniche dell’ Università di Pisa.
Dal cortometraggio De Plano è partito per realizzare “Ristabbanna” film indipendente scritto con Gianni Cardillo, girato tra le saline di Marsala e la città di Trapani che parla della voglia di restare nella propria terra per cambiarla, del senso di appartenenza, e delle radici. Il film è ospite in questi giorni del Pisa Film Forum, e verrà proiettato al Cinema Caffè Lanteri domenica alle 22.30 e lunedi alle 20.30.
ore 21.00 Andrea Gambuzza (coautore con Gabriele Benucci) presenta Testa di Rame racconto vernacolare incentrato sulla figura di Ugo Buonomo, detto “Testina” palombaro di Borgo Cappuccini le cui vicendi tra mare e amori labronici si legano indissolubilmente con una parte fondamentale della storia del dopoguerra italiano, osservato dal punto di vista obliquo di un lavoratore del porto di Livorno. A pochi anni dalla Liberazione, in una città tutta da ricostruire, lo spettacolo racconta la storia d’amore di Testina e Rosa, donna impulsiva, gelosa e caparbia. Impigliati nella rete della loro burrascosa storia d’amore, si agitano finanzieri e contrabbandieri, Americani e “segnorine” che spingono i due protagonisti ad un’immersione nel mistero dei loro sentimenti, alla riscoperta del legame naturale che li unisce come l’acqua e la terra.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *